Pensione lorda in Portogallo? Il momento giusto è ora!

Vuoi ricevere la pensione lorda in Portogallo?
Il momento giusto per poterla richiedere è adesso!

Superati i dubbi che avevano assalito migliaia di pensionati in fuga dall’Italia riguardo una possibile tassazione della pensione in terra lusitana, consigliamo di programmare subito l’arrivo in Portogallo per poter recuperare tutti gli arretrati del 2018.

Pensione Lorda

Ma andiamo con ordine, cos’era successo?

Negli ultimi mesi del 2017, si è molto discusso sull’eventualità di inserire un’imposta sul reddito a carico dei Residenti non Abituali (RNH). Secondo indiscrezioni, la modifica SAREBBE DOVUTA ESSERE inserita nella manovra finanziaria del 2018 ed entrare in vigore a gennaio 2018. Questo avrebbe potuto comportare una maggiore tassazione, con un’aliquota compresa tra 5% e il 10% contro lo 0% attuale. Diciamo “attuale”, perché questa variazione che molti temevano NON si è mai concretizzata. Tutti coloro che quindi hanno temporeggiato per saperne di più possono stare tranquilli e programmare subito il trasferimento in Portogallo che continuerà a mantenere lo 0% di tasse sulla pensione.

Perché iniziare le pratiche di defiscalizzazione subito?

I mesi più favorevoli per trasferirsi in Portogallo sono sicuramente febbraio, marzo e aprile. Questo per due ragioni molto importanti:

  • La prima ragione riguarda la stagionalità. Il primo requisito per poter richiedere al proprio ente erogatore la pensione defiscalizzata è proprio quello di aver posto la residenza in Portogallo. Per far questo, la ricerca di un immobile è tappa essenziale, che però va incontro ad un problema di base e cioè quello della bassa disponibilità di appartamenti in affitto più ci si avvicina alla stagione estiva. Questo perché i proprietari, come in tutte le località che risentono molto dell’afflusso turistico, tendono ad affittare le proprie abitazioni settimanalmente a prezzi elevati. Va da sé che per potersi permettere la scelta tra più immobili è necessario iniziarne la ricerca proprio in questo periodo.

  • La seconda ragione è la possibilità di ricevere gli arretrati IRPEF a partire da gennaio di quest’anno. Infatti a causa della non frazionabilità dell’anno fiscale, trasferendo la propria residenza in Portogallo prima del 30 giugno, è proprio in questo paese che si è considerati residenti fiscalmente e quindi non soggetti alla tassazione italiana molto elevata, causa appunto della fuga dei pensionati in Portogallo che potranno percepire così la pensione lorda.

La nostra agenzia vi assisterà in toto nel disbrigo di tutte le pratiche per poter ottenere la pensione defiscalizzata: dal vostro arrivo in aeroporto e sistemazione in hotel con sconti esclusivi sui voli fino al 30 aprile (pacchetto All Inclusive) oppure, se avete organizzato il vostro soggiorno da soli, potete scegliere di avvalervi esclusivamente dei nostri servizi di defiscalizzazione optando per il pacchetto Light.

 

Per maggiori informazioni, potete compilare il modulo sulla destra, contattarci all’indirizzo email info@vadovia.it oppure chiamare il numero +39 3274530654.

Commenti

comment