Cinque buoni motivi per trasferirsi a Vivere ad Hammamet

Vivere ad Hammamet

Cinque buoni motivi per trasferirsi a Vivere ad Hammamet

Vivere ad Hammamet : Per i pensionati italiani scegliere di vivere all’estero è ormai cosa molto comune. Se poi si sceglie di vivere in Tunisia di sicuro non si commette un errore. La conferma è data dai tanti, ormai tantissimi, connazionali che lo hanno già fatto trasferendosi a vivere ad Hammamet, rinomata località turistica a sud di Tunisi divenuta famosa in Italia per aver ospitato Bettino Craxi nel periodo più difficile della sua vita, oggi ne custodisce le spoglie. Se così tanti italiani vivono ad Hammamet è anche grazie a lui. Ma non sono solo gli italiani che oggi la affollano a dover ringraziare, è la stessa Hammamet a doverlo fare, per l’enorme fama, sviluppo e beneficio che ha tratto dall’illustre residente. Vediamo perché questo Paese, che apparentemente sembra così lontano e diverso dal nostro, attrae e seduce i pensionati italiani. Prima di tutto c’è da considerare il clima, vero è che siamo in Africa, ma è anche vero che la calura estiva di Hammamet è sempre mitigata da una leggera brezza marina che la rende piacevole anche nelle ore più calde del giorno, meno apprezzabili le poche ma fredde giornate invernali. Fredde per chi si è già abituato a vivere in magliettina e ciabatte, visto che le temperature difficilmente scendono al di sotto dei 10 gradi anche in pieno inverno. Secondo motivo. In realtà per molti è il primo! Il costo della vita in Tunisia! Ormai sono anni che trasferiamo pensionati italiani a vivere ad Hammamet, ma la nostra soddisfazione è sempre la stessa quando vediamo come tutti loro inizialmente reagiscono. Rimangono basiti, ed iniziano a farsi, e a farci, mille domande. Com’è possibile che il pane costi solo 30 cent. di Euro al kg.? E la benzina? 80 cent. al litro? Ma siamo solo ad un’ora di volo dall’Italia!!! Sembra incredibile ma è proprio così, il costo della vita in Tunisia è mediamente del 50% più basso rispetto all’Italia, alcuni prodotti e servizi arrivano a costare dieci volte meno di quanto li paghiamo abitualmente nel “bel Paese” ad esempio il pane, le uova, il pesce fresco, il gas da cucina, le comunicazioni internazionali, 50 cent. Di euro per parlare 12 minuti con tutta l’Europa, le sigarette a poco più di un Euro, le visite specialistiche a 20 Euro, l’assicurazione auto e…..tanto tanto altro. Terzo motivo per trasferirsi in Tunisia: ma anche in questo caso qualcuno lo metterebbe sul gradino più alto del podio. La defiscalizzazione!!! Chi trasferisce la residenza in Tunisia, o meglio il pensionato che trasferisce la residenza in Tunisia riceve la pensione lorda, ovvero non paga più le tasse allo Stato italiano ma a quello tunisino. Da sottolineare che la defiscalizzazione della pensione viene concessa anche agli ex dipendenti statali, quindi anche i titolari di pensioni ex INPDAP godono di questo regime di tassazione agevolato in Tunisia contrariamente a quanto avviene in tutti gli altri Paesi eccezion fatta per Australia, Senegal e forse Ecuador. Questo beneficio fiscale, aggiunto al basso costo della vita, permette ai pensionati italiani residenti in Tunisia di godersi la loro meritata pensione in tutta serenità e senza dover guardare con preoccupazione il calendario prima di strappare pagina. Quarto motivo: La Tunisia è un Paese ospitale e generoso, la popolazione è pacifica e guarda con benevolenza i residenti stranieri, gli italiani in particolare. Le attrazioni turistiche sono numerose ed i servizi non mancano, i paesaggi spettacolari, spaziano dalle oasi di montagna agli aridi deserti di sabbia e rocce, dagli sterminati uliveti alle coltivazioni di frutta e ortaggi a tutto campo, palme da datteri, cocco e mare cristallino completano un mix che pochi altri Paesi possono offrire. Quinto motivo: Ci sono moltissimi altri validi motivi per scegliere di vivere ad Hammamet, la brevissima distanza con l’Italia fa sì che possa essere raggiunta in poco più di un’ora di volo dai principali aeroporti italiani, la genuinità delle sue genti, le molteplici attività sportive che si possono praticare tutto l’anno all’aria aperta, numerosissimi i campi da golf anche questi a prezzi stracciati se confrontati all’Italia e più in generale a tutti gli altri paesi esteri. Avete fatto mente locale di tutto ciò che abbiamo scritto? Adesso vi faccio io una domanda!!! Perché dovreste continuare a sopravvivere in Italia quando si può comodamente andare a vivere in Tunisia? Provate a rispondere!

Articoli correlati. Vivere all’estero con la pensione defiscalizzata, Perché trasferirsi in Tunisia! Tito l’Italia e la Bulgaria. Pensionati INPS e pensionati ex INPDAP un’anomalia tutta italiana, come trasferire la pensione all’estero, Trasferirsi in Bulgaria, costo della vita in Tunisia, come trasferirsi in Tunisia, come trasferirsi in Portogallo, come trasferirsi all’estero e vivere felici.

Se cercate altri portali dove approfondire con informazioni serie e verificate, visitate gli altri siti del gruppo vadovia.it pensionatiintunisia.it portogallodavivere.com tunisiadavivere.org su Facebook Bulgaria, come si vive da pensionato inps, MIPE movimento italiano pensionati estero. Pensionati in portogallo.

Lo staff.di vadovia.it

Commenti

comment



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *